giovedì 15 settembre 2011

Frank Purcell altri non è che Franco Purcella


Purcella Francesco nasce.............. Non si conoscono le ragioni per le quali lascia la sua bella Napoli e s'imbarca per gli Stati Uniti d'America Comunque una cosa è certa, nel 1852, il tribunale di New York gli riconosce la cittadinanza americana in seguito alle ottime referenze provenienti da Prescott località mineraria nello stato dell'Arizona. Infatti, Francesco, subito dopo essere sbarcato a New York si trasferisce in Arizona dove trascorre la sua intensa esistenza. E' probabile che abbia combattuto durante la guerra civile americana ma non è certo. Di sicuro si apprende dai registri comunali che, nel 1864, il napoletano, è censito nelle liste dei cittadini residenti della città di Wikenburg nella Contea di Maricopa dove esercita la professione di commerciante. L'attività di mercante è una costante nella vita di questo pioniere. Infatti, in società con un altro italiano, un certo Ravena, il napoletano, gestisce un fornito magazzino. Terminata questa prima esperienza si mette in affari con un altro pioniere italiano di nome Peralta con il quale avvia una attività commerciale. Al termine di questa ulteriore esperienza si trasferisce a Phoenix. Qui dopo aver intrapreso altre iniziative senza grandi risultati, nel 1872, si sposta a Prescott località nella quale si rimette a lavoro nelle miniere della regione. S'impiega presso l'Arizona Miner con la quale vi lavora diversi anni. Purtroppo, da questo impresa, nonostante l'impegno, il napoletano, non ottiene grandi risultati. Infatti, oltre a resistere alla dura realtà della pericolosa frontiera americana, Franco, deve affrontare anche la costante angoscia derivante dalle scorrerie dei fuorilegge e delle bande di indiani ribelli delle tribù Apaches che infestano la regione. Per queste ragioni, torna a Phoenix dove... continua

lunedì 5 settembre 2011

Il genovese F. Villa veterano delle guerre indiane



Era tornato a vivere da reduce, veterano delle guerre indiane, nella sua fattoria alla periferia sud della città di Walla Walla nello stato di Washington. Questa è la storia di un genovese che partecipa alle guerre indiane in Nord America. Franco Villa nasce a Genova nel 1837 in una famiglia di contadini. I Villa sono così poveri che non hanno la possibilità di far studiare i figli tanto che il piccolo Franco riesce a malapena a raggiungere una minima istruzione elementare. E' per le stesse ragioni di carattere economico che, nel 1855, all'età di diciotto anni, emigra negli Stati Uniti d'America in cerca di fortuna. Dopo due mesi circa di navigazione, sbarca nel porto di New York dove cerca lavoro. Al genovese non interessa vivere nelle grandi città dell'evoluto est, egli aspira a raggiungere le lontane e selvagge terre dell'ovest. La strada migliore sarebbe quella di aggregarsi a qualche carovana di coloni... continua