lunedì 31 ottobre 2011

Un uomo chiamato cavallo


La storia del romano Bressani Francesco Giuseppe ha dell'incredibile. Nato a Roma il 06.05.1612 già da adolescente frequenta gli istituti scolastici dell'Ordine di Gesuiti nei quali successivamente entra a far parte occupandosi di letteratura, filosofia e matematica. Nel 1642, dietro sua insistente pressione, insieme ad altri confratelli, parte per l’America ad evangelizzare i territori del Canada precisamente la regione della Nouvelle France. In questa gelida regione, Francesco, trascorre due anni esplorando i territori di San Lorenzo durante i quali viene a contatto con le tribù di indiani Slave, Yellowknife, e Mountain. Vive per alcuni anni sino al 1644 nella regione del Quebec presso alcune tribù di Uroni dove apprende lingua, usi e costumi. Nell'aprile dello stesso anno nel corso di una imboscata da parte di una banda di guerrieri Irochesi, il gesuita italiano, è catturato insieme a un francese e ad un gruppo di Uroni battezzati. Gli Uroni sono immediatamente uccisi sul posto e privati dello scalpo mentre per Francesco inizia una tremenda esperienza. L'italiano, insieme alla guida francese, viene trasferito presso uno sperduto accampamento lungo il fiume Hudson, dove inizia un periodo di prigionia durante il quale è sottoposto ...continua

Nessun commento:

Posta un commento