martedì 6 novembre 2012

Quelli di Little Big Horn


Il 25 giugno del 1876, si racconta che, nella battaglia di Little Big Horn, vi fossero più di una dozzina di italiani tra le fila del 7° Reggimento Cavalleria al comando del generale Custer. Gli archivi di stato americani indicano che al cruento scontro parteciparono: il nobile bellunese Carlo De Rudio, il libraio genovese De Voto Augusto, il romano Giovanni Casella, il napoletano Francesco Lombardi, il trombettiere campano Giovanni Martini, il musicista torinese Vinatieri Felice e ancora Stella Alessandro, Tulo Giuseppe, Lambertini Francesco e molti altri di cui si sono perse le tracce. Dagli archivi si apprende che  Lambertini e Lombardi fossero assenti alla battaglia in quanto ricoverati in infermeria perchè ammalati, mentre,  di Stella Alessandro,  si sa che faceva parte del gruppo squadroni di Custer e che quindi morì a fianco del suo generale.  Altri, invece,  hanno lasciato evidenti tracce della loro partecipazione al mitico scontro.  Giovanni Casella, per esempio,  si arruola nella cavalleria ... continua




4 commenti:

  1. gli eroi italiani si sono distinti ovunque, anche con il Generale Custer,
    è un orgoglio per noi posteri...........

    RispondiElimina
  2. ... se per caso vi venisse un dubbio, guardateci mentre marciamo e la Banda suona Garry Owen ...

    RispondiElimina
  3. "Siamo l'orgoglio dell'Esercito ex un Reggimento di grande fama. Il nostro nome è inciso nelle pagine della Storia dal '66 in poi. Se pensate che possiamo esitare o essere fermati mentre si va a combattere, guardate bene il nostro passo è le nostre teste alte quando la banda suona Garry Owen."

    RispondiElimina
  4. "Siamo l'orgoglio dell'Esercito ed un Reggimento di grande fama. Il nostro nome è inciso nelle pagine della Storia dal '66 in poi. Se pensate che possiamo esitare o essere fermati mentre si va a combattere, guardate bene il nostro passo è le nostre teste alte quando la banda suona Garry Owen."

    RispondiElimina